Come scegliere il conto corrente 

Ad oggi praticamente tutti hanno un loro conto corrente aperto presso un istituto bancario. Il conto corrente bancario permette di depositare in banca delle somme di denaro, inoltre grazie al servizio di Internet Banking è possibile gestire in autonomia il conto per esempio chiedendo una carta di credito o debito, domiciliare le bollette, ricevere e fare bonifici, prelevare del denaro e molto altro. In genere, stanti i servizi che il conto corrente offre, esso è a pagamento e prima di effettuare una scelta fra le molteplici offerte che si possono trovare, è sempre meglio confrontarle con attenzione.

Come scegliere un conto corrente? Grazie all’esistenza dei comparatori online, è semplice poter confrontare le varie offerte che sono presenti, i costi dei conti correnti, la stima dei costi annui, la possibilità di usufruire di servizi specifici come per esempio l’accredito dello stipendio. Sulla base di queste informazioni si può fare una scelta più ponderata.

In secondo luogo, bisogna valutare se optare per una banca online o per una tradizionale. Quelle online oggi possono offrire dei servizi molto più economici rispetto alle banche tradizionali, ma anche queste ultime propongono delle offerte interessanti.

Nella scelta del conto corrente ideale bisogna guardare alla propria posizione ed ai bisogni. Si è studenti, lavoratori, casalinghe, pensionati? Oggi è possibile scegliere diversi prodotti bancari che sono ritagliati su misura delle esigenze di ogni persona, e di conseguenza, vale la pena orientarsi verso offerte che riguardano il proprio status personale.

Non solo: ad oggi molte banche offrono il conto corrente a zero spese, senza spese di canone annuo e permettendo di effettuare gratuitamente alcune operazioni tradizionali come il prelievo o il bonifico. Ovviamente queste operazioni possono comunque avere delle condizioni che è bene leggere con molta attenzione prima di fare la propria scelta, controllate sempre quali operazioni sono incluse nel conto corrente a zero canone.

Controlla quali sono i prodotti gratuiti che sono associati al conto, per esempio la possibilità di avere gratis il bancomat, le carte di credito, e via dicendo.

In alternativa si può sempre optare per il conto corrente tradizionale con un canone annuo fisso (fra l’altro ad oggi non molto costoso, nella maggior parte dei casi).

I costi del conto corrente in genere sono il canone mensile o annuale, le commissioni, il bollo, i servizi generali offerti dalla banca ed il costo dell’estratto conto. Possono comunque variare da banca a banca.